logo nero nervi music ballet festival
DO 14/07/2024 Ore 21:15 Acquista su VivaTicket o in Biglietteria
Dove:
Parchi di Nervi – Villa Grimaldi Fassio

Kind of Bill

Omaggio a Bill Evans per celebrare uno degli aspetti più affascinanti della musica del grande jazzista: l’immortalità del suo messaggio

Pianoforte Dado Moroni
Contrabbasso Eddie Gomez
Batteria Joe La Barbera
con la partecipazione straordinaria di Paolo Fresu

Kind of Bill, omaggio a Bill Evans con la partecipazione straordinaria di Paolo Fresu, è un progetto musicale volto a celebrare uno degli aspetti più affascinanti della musica del grande jazzista: l’immortalità del suo messaggio. Il titolo Kind of Bill cattura lo spirito del progetto creato dal pianista Dado Moroni, dal bassista Eddie Gomez e dal batterista Joe La Barbera, musicisti che nel corso del tempo hanno dato un enorme contributo alla musica di Evans, offrendo nuova vita alle idee del grande pianista. Tributo al repertorio di Evans, ma anche al mondo del jazz, Kind of Bill comprende composizioni di Bill, standard che sotto le sue dita sono diventati pezzi quasi completamente nuovi e originali, e composizioni scritte da Moroni, Gomez e La Barbera.
Kind of Bill è una produzione Zenart Management.

Dado Moroni è uno dei pianisti jazz italiani più richiesti in Europa e in America. Debutta a 17 anni con Tullio de Piscopo e Franco Ambrosetti col quale ancora oggi collabora. Nel 1987 viene chiamato, unico europeo, insieme ai pianisti Hank Jones, Barry Harris e Roland Hanna, a far parte della giuria del premio internazionale pianistico Thelonious Monk, svoltosi a Washington. Dado Moroni è uno dei pochissimi musicisti italiani la cui biografia è inserita nell’importante “Biographical Enciclopedia of Jazz” di Leonard Feather e Ira Gitler. Vanta prestigiose e continuative collaborazioni con le grandi star del jazz mondiale.

Eddie Gomez è uno dei più brillanti contrabbassisti della storia del jazz. Dopo gli studi alla Juilliard, Gomez ha suonato tra gli altri con Gary McFarland, Gerry Mulligan, Benny Goodman, Buck Clayton, il sestetto di Rufus Jones, Marian McPartland, Paul Bley e Giuseppi Logan. La notorietà internazionale è arrivata durante il suo lungo periodo nel trio di Bill Evans, con cui ha collaborato dal 1966 al 1977, prendendo parte a numerose importanti incisioni del grande pianista, di cui due premiate con il Grammy Award. In seguito Gomez ha collaborato in un’infinità di contesti tra cui spiccano gli Steps Ahead, Dizzy Gillespie, Freddie Hubbard, George Benson, McCoy Tyner, Chick Corea, Hank Jones, Nancy Wilson, Tania Maria e Ray Barretto, nonché in un grande numero di incisioni discografiche.

Joe La Barbera ha suonato per tutto il mondo con alcuni dei nomi migliori del Jazz, fin dal suo esordio sulla scena. Dalla sua prima esibizione da professionista al Sands Hotel in Las Vegas con Frankie Randall e la band di Buddy Rich nel 1968, fino al suo lavoro con Bill Evans, è sempre stato molto richiesto dai musicisti Jazz di fama mondiale. Ha frequentato il Berklee College of Music di Boston, e dopo le prime esperienze professionali come musicista è trasferito a New York, dove ha suonato come con diversi grandi artisti. Nel 1978 Joe ha ricevuto la proposta di suonare con Bill Evans. Esibitosi regolarmente in tutto il mondo, quest’anno il suo Tour lo porterà in Nuova Zelanda, Giappone, Cina e in tutta Europa.

Paolo Fresu, nato a Berchidda (Sardegna), inizia lo studio della tromba all’età di undici anni nella Banda Musicale del suo paese natale. Dopo varie esperienze di musica leggera scopre il jazz nel 1980 e inizia l’attività professionale nel 1982 frequentando dapprima i Seminari Senesi e registrando quindi per la RAI-Radio Televisione Italiana sotto la direzione di Bruno Tommaso. Nel 1984 si diploma in tromba al Conservatorio di Cagliari con Enzo Morandini e frequenta successivamente il DAMS – sezione musica all’Università di Bologna. Nel 2003 riceve la Laurea Honoris Causa dell’Università la Bicocca di Milano in Psicologia dei processi sociali, decisionali e dei comportamenti economici, nel 2015 quella della Berklee School di Boston e nel 2017 il ‘Nettuno d’Oro’ a Bologna. Dal 2016 è ambasciatore dell’Unesco Giovani per l’Italia. La sua attività discografica vanta oltre 400 dischi (oltre 90 a suo nome e come co-leader) e quella concertistica oltre 3000 concerti in tutti i cinque continenti.